Ritorna Home Page      Archivio news e foto dal 2010                                                                                           © 2017 Rudy Gratton     

News e foto


16 marzo 2017,
Tabella riassuntiva dell' INVERNO 2016/17 a confronto con l'inverno 2015/16 e la media 1989/2013:

Inverno termicamente nella norma mentre le precipitazioni sono risultate un po inferiori alla media.
Dicembre, completamente secco e con giornate molto belle, gennaio molto freddo specialmente a cavallo della prima decade mentre febbraio è stato mite e piovoso, questo a grandi linee il riassunto sintetico di questo inverno. Complessivamente molte le giornate con cielo sereno o poco nuvoloso (+33%). Ben 45 giorni, il 50%, con minime sotto lo zero. Non è comunque un risultato importante viste le tante nottate con cielo sereno durante tutto l'inverno. E' piovuto il 10% in meno della norma anche se i giorni di pioggia sono stati addirittura il 40% in meno. Questo vuol dire che quando è piovuto, le piogge sono state molto intense. Da segnale che non è nevicato nonostante il lungo periodo freddo di gennaio. La pressione atmosferica più alta della norma così come la radiazione solare confermano un inverno prevalentemente bello e soleggiato.



riepilogo





L'andamento della temperatura media dell'inverno 2016/17 (barre gialle) confronto la media dei mesi degli inverni dal 1989 al 2013 (linea rossa).
Si nota subito il periodo molto freddo la settimana tra il 6 ed il 12 gennaio e in minor misura a fine gennaio. Di contro 2 i periodi molti caldi, uno a cavallo di Natale e l'altro la prima settimana di febbraio. Complessivamente l'inverno 2016/17 è risultato di soli 3 decimi superiore alla media 1989/2013.

riepilogo media inverno 2017


Andamento delle temperature medie invernali dal 1952/53 (barre azzurre) confronto la media degli inverni dal 1961 al 2010 (linea rossa).
Dopo 3 inverni molto caldi questo 2016/17 è risultato più vicino alle medie storiche seppur ancora leggermente superiore

riepilogo inverni dal 1952









5 marzo 2017,
Tabella riassuntiva di FEBBRAIO 2017: confronto con febbraio 2016 e la media 1989/2013:

Mese di febbraio piuttosto brutto e non freddo, più in linea con il febbraio dell'anno scorso che con la norma 1989/2013. Il cielo è stato prevalentemente coperto ed è piovuto molto, più del doppio della media. Come detto non ha fatto freddo, ben 2.2° gradi sopra la norma, ne hanno risentito sopratutto le temperature minime che solo 5 volte sono scese sotto lo zero di notte. A proposito di minime negative: negli ultimi 4 anni nel mese di febbraio siamo scesi sotto lo zero solo 12 volte (7 volte nel 2015 e 5 volte quest'anno), come si può notare qui sotto dal riepilogo la media storica è di 14 volte per ogni mese di febbraio nel venticinquennio 1989/2013 !! In pratica in questi ultimi 4 anni (2014,2015,2016 e 2017) nel mese di febbraio non siamo riusciti a raggiungere complessivamente il numero di giorni con minime sotto lo zero che si raggiungevano mediamente in un solo mese di febbraio tra il 1989 ed il 2013 !!!!! Naturalmente ha inciso molto la copertura del cielo nelle ore notturne che negli ultimi anni è stata superiore alla media ma il dato rimane per certi versi preoccupante.




riepilogo




L'andamento della temperatura media di febbraio 2017 (barre gialle) confronto la media dei mesi di febbraio 1989/2013 (linea rossa).
Mese costantemente più caldo della norma, decisamente più caldo nella prima settimana. Unico giorno leggermente sotto media il 21 febbraio !

andamento temperatura












18 febbraio 2017,
Tabella riassuntiva delle temperature registrate nella località di Visentini (carso Goriziano) a Gennaio 2017:

Il freddo che ha colpito la nostra regione in gennaio non ha risparmiato neanche la località di Visentini situata sul Carso Goriziano a soli 9 chilometri in linea d'aria dal mare. Come si può notare qui sotto le temperature sono state molto basse in tutto il mese con una punta minima il giorno 7 di -19.5° gradi. Questa è la temperatura più bassa registrata negli ultimi 9 inverni senza neve al suolo. Da segnalare inoltre che la media delle temperature minime è stata nei 31 giorni di ben -10.4° gradi !!  
Altri dati e statistiche su http://www.meteogo.it/visentini.htm


visentini riepilogo









7 febbraio 2017,
Tabella riassuntiva di GENNAIO 2017: confronto con gennaio 2016 e la media 1989/2013:

E' stato un gennaio molto freddo come non accadeva da almeno 30 anni (vedi articolo del 1 febbraio qui sotto). Il freddo è stato il protagonista di questo mese: record di temperatura minima per questo millennio con  -9.1° gradi registrati il giorno 7 , ben 26 le minime sotto lo zero anche se è mancata la giornata di ghiaccio*. Gennaio freddo ma con prevalenza di cielo sereno, ben 19 le giornate di bel tempo. Solo 2 gli episodi di maltempo, seppur intensi: il primo tra il giorno 12 e 13 con un episodio di gelicidio ed il secondo a fine mese. In soli 3 giorni di pioggia sono caduti ben 93 mm, più della media 1989/2013 !! Da segnalare che non è nevicato, se non qualche sporadico fiocco la sera del giorno 13.

riepilogo
*: per giornata di ghiaccio si intende quando nell'arco della stessa giornata la temperatura rimane sempre sotto lo zero.




L'andamento della temperatura media di gennaio 2017 (barre gialle) confronto la media 1989/2013 (linea rossa).


Grafico eloquente: gennaio freddo per tutto il mese, molto freddo tra il 6 ed il 12. Rari i giorni in cui la temperatura è risultata superiore alla media

andamento temperatura









7 febbraio 2017,
 
2 foto del cielo sopra Gorizia scattate verso le ore 17 di ieri


tramonto


tramonto









1 febbraio 2017,
Gennaio 2017 il più freddo degli ultimi 30 anni
 

Da quando è nata la stazione meteo in via aquileia nell’agosto 1988 questo gennaio 2017 è stato il mese più freddo mai registrato con 1.9° gradi di media mensile. Molto bassa anche la minima assoluto del giorno 7 con  9.1° gradi sotto lo zero, la più fredda di questo millennio fino ad ora, mentre ben 26 sono state  le giornate con minime al di sotto dello zero.

I mesi più freddi registrati a Gorizia in via aquileia (zona ospedale) dal 1988 ad oggi:

Gennaio   2017:  +1.9°
Gennaio   2000:  +2.3°
Dicembre 2001:  +2.3°
Dicembre 1991:  +2.5°
Gennaio   2006:  +2.5°
Gennaio   2004:  +2.6°
Febbraio  2012:  +2.8°
Gennaio   2010:  +2.9°



Mesi di gennaio più freddi dal 1953, confronti con il passato

Confrontando invece questo mese di gennaio 2017 con alcuni mesi di gennaio anche prima del 1988 e specificatamente aggiungendo i dati della stazione meteo dell’Idrografico situata a soli 400 metri di distanza  vediamo che ci sono solo 3 mesi di gennaio in cui la temperatura media mensile è stata sicuramente  inferiore a quest'anno:  gennaio 1963 con +0.2°,  gennaio 1985 con  +0.4° e gennaio 1954 con +0.6° mentre ci sono altri mesi di gennaio freddi ed in linea con questo gennaio 2017, naturalmente essendo 2 stazioni con caratteristiche diverse, seppur situate a poca distanza l’una dall’altra, diventa difficile fare un confronto quando la differenza di temperatura media mensile è inferiore ai 7 decimi di grado. Sotto tale soglia il confronto potrebbe non essere corretto. Riporto quindi in rosso le temperature della stazione dell’Idrografico ed in blu quelle di via Aquileia:

Gennaio  1963:  + 0.2°
Gennaio  1985:  + 0.4°
Gennaio  1954:  + 0.6°
Gennaio  1964:  + 1.5°
Gennaio  1966:  + 1.6°
Gennaio  1968:  + 1.6°
Gennaio  2017:  + 1.9°
Gennaio  1987:  + 2.1°
Gennaio  1979:  + 2.2°
Gennaio  2000:  + 2.3°
Gennaio  2006:  + 2.5°
Gennaio  1981:  + 2.6°
Gennaio  2004:  + 2.6°









15 gennaio 2017,
Qualche scatto di ieri mattina dopo le nevicate sulle montagne e colline circostanti

Qualche foto qui sotto della nevicata di venerdi sera che ha interessato le colline e naturalmente le montagne che circondano la nostra città. La nevicata a tratti ha interessato anche Gorizia ma sempre frammista a pioggia mentre ha nevicato con accumulo in tutta la parte meridionale della pianura isontina (Villesse, Ronchi dei Legionari, Monfalcone ecc.) fino ad arrivare a Grado. La quota neve nei dintorni di Gorizia si è attestata sui 220/240 con un leggero accumulo come testimonia la foto della cima del Monte Calvario (mt. 241). Anche la località di San Floriano del collio (mt. 276) ha visto un po di neve ma per trovare qualche centimetro bisogna salire sopra i 350/400 metri dove ne sono caduti circa 10. Naturalmente neve su tutta la Selva di Tarnova con una quindicina di centimetri di neve accumulata.
                                                                                                     
                                                                                                   Clicca sull'immagine per ingrandirla
                                                                         

goriziagen2017
Foto panoramica della parte nord di Gorizia. Sullo sfondo a sinistra la                      Al centro il Sacrario di Oslavia ( 140 mt.). Dietro il collio Sloveno innevato.    
località di Sal Floriano (mt. 276)                                                                              Sullo sfondo a destra il Monte Canin ( 2.587 mt.)


gen2017
gen2017
                            La cima del Monte Sabotino mt. 609                                       Sempre il Monte Sabotino con all'estrema destra l'eremo di San Valentino (538 mt.)


gen2017gen2017
          Al centro il Santuario del Monte Santo mt. 681 ben innevato                   Sullo sfondo il Monte San Gabriele mt. 646, in basso il monastero della Castagnevizza           



gen2017gen2017
Sullo sfondo si nota la chiesa di San Floriano del Collio mt. 276, solo un po di neve            Il Monte Calvario mt. 241 appena una spolverata di neve sulla cima







10 gennaio 2017,

Alcune foto dell'ondata di freddo che ci stà interessando da alcuni giorni


laghetti Preval
                                                                  Il laghetto del Preval gelato vicino a Mossa (Go) (foto Carlo Bregant)



Rive dell?isonzo
                                                         L'Isonzo ghiacciato sulla riva poco a nord della cittadina di Salcano (Slo)   (foto RR. Colucci)



rive dell'Isonzo
                                              L'Isonzo ghiacciato sulla riva poco a nord della cittadina di Salcano (Slo)   (foto RR. Colucci)



torrente Groinizza
                                                            Il torrente Groinizza che scende da San Floriano completamente ghiacciato


torrente Groinizza
                                                                             Curiose formazioni di ghiaccio sempre nel torrente Groinizza



torrente Groinizza
Il torrente Groinizza ghiacciato













7 gennaio 2017,
Questa notte la temperatura più bassa del nuovo millennio: -9,1°

Quella appena trascorsa è' stata la notte più fredda di questo millennio. Per la prima volta siamo scesi sotto i -9 gradi dal 2000 ad oggi. Vicini ai -9° eravamo andati il 20 dicembre 2009 con -8.9 gradi ed il 25 gennaio 2000 con -8.8 gradi però in tutte queste 2 occasioni c'era neve al suolo che naturalmente favorisce la discesa della colonnina di mercurio. Quindi il dato di questa mattina assume un valore ancora superiore visto la totale assenza di neve al suolo.
Osservando i dati della mia stazione a partire dall'inverno 1988/89 solo in 2 occasioni ha fatto più freddo di oggi: il 2 febbraio 1991 con -9.4 gradi ed il 29 dicembre 1996 con -9.6 gradi, attuale record negativo della stazione.







6 gennaio 2017,
Tabella riassuntiva di DICEMBRE 2016: confronto con dicembre 2015 e la media 1989/2013:

Dicembre 2016 record quello che è appena andato in archivio. Per la prima volta non c'è stato nessun giorno di pioggia* ed il totale a fine mese riporta soli 1.2 mm. dovuti essenzialmente a depositi di rugiada/brina. Non era mai successo nei 140 anni di storia climatica a Gorizia (vedi articoli qui sotto del 31 dicembre 2016). E' stato anche un dicembre con tanto sole viste le 22 giornate di bel tempo, il doppio della norma. Anche la radiazione solare conferma lo splendido mese appena passato con il 50% in più rispetto al periodo 2008/2015. La temperatura non si è discostata troppo dalle medie, comunque sempre 0.7° decimi in più. Nella logica che la media delle temperature minime sia stata piuttosto bassa mentre al contrario le massime siano state più alte. Ben 14 giornate con temperature sotto lo zero,  ma se calcoliamo le tante giornate con cielo notturno sgombro da nubi, il risultato può considerarsi inferiore alle aspettative e negativo se raffrontato alla media di 12 giornate ma con molti più giorni con cielo prevalentemente coperto. Ultima annotazione, per il secondo anno consecutivo la pressione atmosferica è stata decisamente più alta della norma, addirittura 11 millibar in più !


riepiogo generale

 * l'Organizzazione meteorologica mondiale ha stabilito che per giorno di pioggia s intende quando nell'arco di una giornata cade almeno un millimetro di pioggia



L'andamento della temperatura media di dicembre 2016 (barre gialle) confronto la media 1989/2013 (linea rossa).

Temperatura che non si è discostata troppo dalla media.
Periodo piuttosto caldo a cavallo delle feste Natalizie mentre più freddo alla fine della prima e seconda decade.


andamento temperatura










4 gennaio 2017,

Alcune precisazioni importanti sui dati della stazione meteo del Servizio Idrografico di Gorizia, stazione che nella sede di rilevazione vicino al ponte IX agosto ha una lunga serie di dati che partono dal dopoguerra e a cui spesso faccio riferimenti per statistiche e confronti con il passato e, fattore non secondario, è molto vicina alla mia stazione di via Aquileia. Se da un punto di vista climatico la stazione dell'Idrografico e quella di via Aquileia sono comparabili, naturalmente con le caratteristiche che rendono unica ogni stazione in base alla propria posizione, bisogna fare alcune considerazioni sul sistema di rilevamento e archiviazioni dei dati della stazione dell'Idrografico:

Innanzitutto i dati meteo non vengono conteggiati dalle ore 00 alle 24 come praticamente in tutte le stazioni meteorologiche.
Le letture eseguite, sempre alle ore 9 del mattino,  vengono assegnate al giorno stesso dell’osservazione: la precipitazione del giorno X, perciò, risulta costituita dalla precipitazione caduta tra le 9 e le 24 del giorno X-1 (complessive 15 ore) sommata alla precipitazione caduta dalle 0 alle 9 del giorno X (complessive 9 ore) e cosi vale anche per la lettura delle temperature che hanno un’approssimazione di 1 grado e quindi senza decimali.
Accade quasi sempre che la temperatura massima  sia avvenuta il giorno precedente alla data di rilevamento indicata mentre la minima corrisponde molto probabilmente a quella registrata nel giorno stesso del rilevamento visto che le temperature minime generalmente si verificano poco prima dell'alba e quindi entro le ore 9.

Nella singola giornata questo sistema diverso di rilevazione comporta delle differenze tra le 2 stazioni, mentre, se allarghiamo il confronto ad un periodo più lungo in genere su base mensile o annuale le differenze diventano minime.










31 dicembre 2016,

Dicembre senza un giorno di pioggia: non era mai accaduto in 140 anni

Dicembre 2016 va in archivio con un record assoluto: in 140 anni di rilevazione dei dati pluviometrici non era mai accaduto che in questo mese non ci fosse neanche un giorno di pioggia. Ricordo che l'Organizzazione meteorologica mondiale ha stabilito che per giorno di pioggia s intende quando nell'arco di una giornata cade almeno un millimetro di pioggia. Quindi leggere piogge o pioviggini, depositi di rugiada o brina che generalmente producono meno di un millimetro di pioggia vengono presi in cosiderazione solo per gli accumuli totali giornalieri/mensili ma non vengono considerati come effettive giornate di pioggia.
Dal 1870 ad oggi in sole 2 altre occasioni invece ci fù un solo giorno di pioggia: nel 1940 e nel 2015, quindi solo l'anno scorso.
Riporto la tabellina aggiornata con i mesi di dicembre più secchi con meno di 30 mm totali di accumulo

dicembre riepilogo senza piogge

Dati mancanti: dal dicembre 1914 al dicembre 1919








28 dicembre 2016,
Grafico degli effetti della potente ondata di gelo sulle temperature di fine dicembre 1996: 114 ore sempre sotto lo zero

Proprio nelle giornate di oggi e di domani, 20 anni fa, si fecere sentire i maggiori effetti della potente ondata di gelo proveniente dalla Russia che colpì tutta l'Italia. Dopo una giornata di Natale tranquilla trascorsa con temperature in linea o di poco inferiori alla media, il giorno successivo il vento gelido proveniente dalle steppe russe, chiamato anche Burian, sferzò su tutta la regione abbassando drasticamente le temperature. Dalle ore 16 del giorno 26 dicembre alle ore 10 del giorno 31 dicembre la nostra città rimase sempre con la colonnina di mercurio sotto lo zero: 114 ore consecutive. Proprio nella giornata di oggi, sempre 20 anni fa, la temperatura massima in pieno giorno non superò i 3 gradi sotto lo zero, ricordo che in questi ultimi inverni si fa fatica a raggiungere questa temperatura anche nelle notti più fredde !!
Nel primo mattino del giorno 29 si raggiunse la temperatura minima di questa ondata di gelo con -9.6° gradi, naturalmente in periferia fece molto più freddo, non ho dati ma ipotizzo almeno 3/4 gradi di meno. La mattina del 31 arrivarono le prime nuvole e la temperatura si alzò gradualmente ma il freddo accumulato permise una bella nevicata che iniziò a metà pomeriggio e che ebbe la fase più intensa proprio a cavallo dell'anno nuovo. Verso le 3 del mattino la neve pian piano si trasformò in pioggia che cadde fino alle 9/10 dello stesso mattino. L'accumulo totale fu di 8 centimetri prima del passaggio in pioggia. Il giorno di capodanno sul terreno c'erano ancora buoni 4/5 centimetri di neve che nella notte successiva, a causa dell'abbassamento della temperatura, formarono delle pericolose lastre di ghiaccio in tutta la città e periferia. La sera del giorno 2 si alzò ulteriormente la temperatura e ricominciò a piovere  tanto che nel giorno successivo non rimase più traccia della nevicata.





grafico ondata di freddo
                                                  Andamento della temperatura (linea blu) durante l'ondata di gelo






25 dicembre 2016
23 dicembre: temperatura massima di 16.8°,  la più alta degli ultimi 30 anni per Gorizia a dicembre

Impennata della temperatura massima il giorno 23 con un valore molto alto per il periodo di 16.9° gradi, il più alto degli ultimi 30 anni . Ricordo che la capannina dove rilevo la temperatura in via Aquileia, in questo particolare periodo dell'anno, è completamente all'ombra per tutta la giornata. In altre stazioni di Gorizia e provincia si sono registrate temperature ancora più alte e oscillanti tra i 18 e i 19 gradi. 







21 dicembre 2016,
Per il secondo anno consecutivo un dicembre molto secco?

Dicembre è il mese invernale più piovoso statisticamente dell'inverno. La media delle precipitazioni, partendo dal 1870 anno in cui sono partite le prime registrazioni meteorologiche, è stata sempre superiore ai 100 mm. mentre negli ultimi 28 anni la media è oscillata attorno ai 120 millimetri di pioggia. L'anno scorso è stato uno dei dicembri più secchi della storia climatica di Gorizia con soli 5.6 mm, secondo solo al dicembre 1940 con 3.8 mm. di pioggia. Come si può vedere dall'elenco qui sotto, che in ordine cronologico evidenzia i mesi di dicembre più secchi, non sono molti gli anni in cui in dicembre non si sono superati i 30 mm. di pioggia,  in media succede ogni 10/12 anni. In questo dicembre fino ad ora è caduto un solo millimetro e le previsioni, seppur in 10 giorni possono ancora cambiare, non promettono precipitazioni importanti fino alla fine dell'anno. Quindi con buona probabilità avremo per la prima volta 2 mesi di dicembre consecutivi molto secchi addirittura entrambi sotto i 10 millimetri  !

Mesi di dicembre dal 1870 in cui non si sono superati i 30 millimetri di pioggia:
1873: 10,5 mm.
1892: 19,2 mm.
1902: 27,1 mm.
1905: 13,1 mm.
1921: 23,6 mm.
1926: 20,4 mm.
1940:   3,8 mm.
1956: 13,4 mm.
1969: 25,8 mm.
1974: 18,0 mm.
1991: 17,2 mm.
2001: 24,0 mm.
2015:   5,6 mm.
2016:   1,2 mm.  parziale al 20 dicembre

Dati mancanti: dal dicembre 1914 al dicembre 1919









8 dicembre 2016,

Tabella riassuntiva dell' AUTUNNO 2016 a confronto con l'autunno 2015 e la media 1989/2013:
Sotto 2 grafici sull'andamento e confronto delle temperature e precipitazioni rispetto al passato.

Prima parte dell'autunno, quindi settembre, molto calda con ben 11 giornate sopra i 30 gradi. Insieme alla fine di novembre, altrettanto calda, ha inciso sulla temperatura media che quest'anno è stato di 1,1° gradi superiore alla norma 1989/2013. Le precipitazioni, scarse in settembre, sono progressivamente aumentate specialmente nei 2 forti episodi in novembre che hanno riportato il totale delle piogge in linea con la media. Vicino o nella norma gli altri parametri meteorologici.

riepilogo



Qui sotto l'andamento della temperatura media di questo autunno 2016 (linea Viola) confronto la media degli autunni 1989/2013 (linea blu):
Si può notare le 2 forti anomalie positive all'inizio e alla fine dell'autunno. Di contro ci sono state anche 2 anomalie negative, prima parte di ottobre e metà novembre, che però sono state meno forti di quelle positive. Alla fine l'autunno 2016 è stato più caldo di 1,1° gradi rispetto alla media.

reipilogo temperature



Qui sotto l'andamento delle precipitazioni di questo autunno 2016 (linea Viola) confronto la media degli autunni 1989/2013 (linea blu):
Settembre  piuttosto secco, tanto che alla fine del mese c'era già un bilancio negativo di oltre 100 millimetri. Anche in ottobre, seppur in maniera più attenuata, le piogge sono rimaste al di sotto della norma. Al 4 novembre il deficit era di ben 145,8 millimetri. I 2 forti episodi di maltempo di novembre che hanno prodotto nel primo 96,2 mm. e nel secondo ben 127 mm. hanno riportato il bilancio in linea con le medie del recente passato

riepilogo precipitazioni










4 dicembre 2016,
Tabella riassuntiva di NOVEMBRE 2016: confronto con novembre 2015 e la media 1989/2013:

Mese piuttosto brutto con poche giornate di cielo sereno al contrario dell'anno scorso. Novembre è stato caratterizzato da 2 forti episodi di maltempo, il primo tra il 5 ed il 6 con 96,2 mm totali di pioggia ed il secondo tra il 18 ed il 19 con un totale di 127,0 mm. Già da soli questi 2 episodi rappresentano molto di più di quello che mediamente piove in questo mese (Rif. 1989/2013). La temperatura media è stata di poco sopra la norma, penalizzate sopratutto le minime a causa della prevalenza del cielo coperto anche durante le nottate. Gli altri parametri meteorologici sono vicini alle medie del periodo.

riepilogo




L'andamento della temperatura media di novembre 2016 (barre gialle) confronto la media 1989/2013 (linea rossa).
Nonostante delle giornate piuttosto fredde a metà e a fine mese, la fase calda tra i giorno 18 e 27 è stata determinante per far risultare anche questo novembre più caldo della norma 1989/2013 (9,9° in questo 2016 contro i 9,2° della media). Solo se prendiamo in considerazione i mesi di novembre di questi anni 2000 la temperatura di questo 2016 risulta in media !

riepilogo temperature













7 novembre 2016,
piena dell'Isonzo il giorno 6 novembre:

2 foto di ieri dopo le abbondanti piogge che hanno colpito tutta la regione ed in particolar modo la valle dell'Isonzo. Le piogge sono stati abbondanti nel  Goriziano (tra i 90 mm e i 150 mm in 48h) ma più a nord, lungo la valle dell'Isonzo, sono state decisamente superiori e particolarmente abbondanti come ad Uccea dove sono caduti ben 383 mm di pioggia sempre in 48h !!
.

piena Isonzo
                                         L'Isonzo visto dalla passerella di Straccis   (foto Carlo Bregant)



piena Isonzo
                  L'Isonzo esce dal suo corso naturale nei pressi del parco di Piuma    (foto Carlo Bregant)








6 novembre 2016,
Tabella riassuntiva di OTTOBRE 2016: confronto con ottobre 2015 e la media 1989/2013:

In questi ultimi anni dove la costante sono i mesi con temperature sopra la media, ottobre 2016 rappresenta un eccezione. Infatti per la seconda volta quest'anno siamo scesi, seppur di soli 4 decimi, sotto la media di riferimento 1989/2013. L'ultima volta fu in maggio mentre, andando indietro nel tempo, per vedere un altro mese sotto media bisogna risalire addirittura all'agosto 2014 dove c'è stato l'ultimo sotto media di una certa rilevanza con 1 grado e mezzo sotto la norma !
Guardando anche gli altri parametri meteorologici il mese non si è discostato molto dai valori di riferimento: i giorni di pioggia sono in linea con le media ma sono mancate le piogge abbondanti che generalmente caratterizzano questo mese centrale dell'autunno, da notare inoltre che non c'è stato neanche un temporale in tutto il mese ! Ultima annotazione sulla pressione atmosferica che è risultata superiore di oltre 2 millibar alla media.


riepilogo ottobre




L'andamento della temperatura media di ottobre 2016 (barre gialle) confronto la media 1989/2013 (linea rossa).
Ottobre più freddo della norma sopratutto grazie alla prima parte. Dopo una breve impennato delle temperature a metà mese, nell'ultima decade l'andamento è stato più in linea con la media, naturalmente con le normali oscillazioni giornaliere che si possono avere rispetto ad una media di 25 anni che ha valori più costanti..


andamento temperatura ottobre






Archivio news e foto dal 2010


 
  Ritorna Home Page