Ritorna Home Page      Archivio news e foto dal 2010                                                                                           © 2017 Rudy Gratton     

News e foto


21 aprile 2018,
20 aprile 2018: Primi 30 gradi della stagione

Solo 15 giorni fa avevamo toccato per la prima volta i 20 gradi e già ieri abbiamo raggiunto anche i 30 gradi. Negli ultimi 8 anni è la terza volta che si superano i 30 gradi in aprile, successe anche nel 2011 e 2012, mentre dal dopoguerra al 2010 mai erano stati registrati 30 gradi in aprile !




16 aprile 2018,

Tabella riassuntiva di marzo 2018 e confronto con la media di marzo 2017 e 1989/2013:

Nel complesso marzo 2018 è stato freddo e perturbato. Già dal riepilogo qui sotto si può vedere che i giorni con cielo prevalentemente coperto sono stati quasi il doppio della norma così come le precipitazioni e i giorni di pioggia. Per quanto riguarda il freddo ne hanno risentito soprattutto le temperature massime a causa, come detto, della prevalente copertura nuvolosa. Da segnalare anche il valore della pressione atmosferica media mensile tra le più basse degli ultimi 30 anni. Una breve annotazione la merita anche la nevicata del primo marzo caduta con temperatura sotto lo zero ma molto debole e che ha lasciato solo un leggero velo sul terreno. Anche il giorno 19 un pò di neve al mattino presto ma senza accumulo se non un leggerissimo velo scioltosi immediatamente.

riepilogo



L'andamento della temperatura media di marzo 2018 (barre gialle) confronto la media dei mesi di marzo 1989/2013 (linea rossa).
Mese mediamente piuttosto freddo. Si parte con una giornata freddissima, ben 9 gradi sotto la media e una temperatura massima di soli 0,5 gradi. Ancora freddo nei giorni susseguenti ma meno intenso. Nella seconda settimana rialzo termico e valori di poco sopra la norma. A metà mese nuova ondata di aria fredda fino al giorno 25. Negli ultimi giorni ritorno delle temperature in media con un picco di 3/4 gradi sopra la norma solo il giorno 30.

andamento temperature









2 aprile 2018,

2 immagini dello splendido arcobaleno apparso ieri sera su Gorizia poco dopo le 19

arcobaleno



acobaleno









30 marzo 2018,
Aspettando i primi 20 gradi dell'anno

Qui sotto un grafico che evidenzia quando dall'inizio dell'anno arrivano i primi 20 gradi di temperatura massima. Mediamente l'arrivo e tra il 15 ed il 20 marzo, quest'anno siamo chiaramente in ritardo. Negli ultimi 30 anni l'arrivo più precoce è stato quello del 1998, esattamente il 14 febbraio, mentre quello più tardivo nel 2013 il 13 aprile. Naturalmente questo grafico ha solo un valore puramente statistico.
grafico








19 marzo 2018,


Alla vigilia dell'equinozio di primavera si è rivista la neve a Gorizia. Solo qualche fiocco in città anche se verso le 6 di questa mattina ha lasciato un leggero velo sui prati e sui tetti, in periferia il fenomeno è stato più visibile. Sopra i 200/250 metri la nevicata è stata invece più intensa con un paio di centimetri accumulati sul terreno.

foto
Il momento questo mattina, subito dopo le 6, dove la neve aveva cominciato a creare un leggero velo sul terreno e sui tetti.
 La precipitazione intensa però è durata pochi minuti, circa 20, così come il leggero strato di neve.





foto neve   foto neve
foto a sinistra ore 8: in lontananza appena sopra l'abitato di Salcano (Slo) si nota l'accumulo nevoso sopra i 200 metri. (a destra la gostilna Skalnici)
foto a destra ore 11: prima dell'uscita del sole a Gorizia c'è stato un breve rovescio di neve piuttosto intenso durato pochi minuti







17 marzo 2018,

Tabella e grafici riassuntivi dell'inverno 2017/18 più confronti con il passato

L'inverno 2017/18 è stato complessivamente perturbato con temperature vicine alla media. Ben 49 su 90, più del 50%, le giornate con cielo prevalentemente coperto, 11 in più della media contro le sole 28 con cielo sereno. La temperatura, come detto, è stata vicino alla norma, un pò più alte le minime che hanno risentito di più della frequente nuvolosità, stessa discorso vale per quanto riguarda il numero di notti sotto lo zero che sono risultate il 20% in meno della media. E' piovuto molto, 28 le giornate con precipitazioni che hanno portato ad un  totale a fine inverno di 419 mm di pioggia, il 45% in più del periodo 1989/2013. Logica conseguenza di questi dati è l'andamento della pressione atmosferica che è risultata più bassa della norma. La neve è arrivata 2 volte: la prima il 10 dicembre lasciando sul terreno 4 centimetri subito spazzati via dalla pioggia, la seconda il 12 febbraio dove ha lasciato sul terreno solo un leggero velo. Ultima annotazione sulle 2 giornate di ghiaccio arrivate nell'ultima decade di febbraio , fenomeno rarissimo dopo metà febbraio e che fa di quest'episodio il fatto più rilevante di questo inverno 2017/18.

riepilogo inverno


riepilogo temperature inverno
L'inverno è partito piuttosto freddo nella prima decade di dicembre e culminato con la nevicata del giorno 10. E' seguito un periodo di qualche giorno più caldo mentre fino alla fine di dicembre la temperatura media è oscillata vicino ai volori tipici del periodo. Con l'inizio di gennaio e per tutto il mese fino alla prima decade di febbraio siamo sempre rimasti sopra la media sopratutto tra il 5 gennaio ed il 13 gennaio con temperature anche di 8 gradi sopra la norma. Il vero freddo è arrivato negli ultimi 4 giorni di febbraio con valori che hanno raggiunto i 10 gradi sotto le medie del periodo.






                   Panoramica grafici delle temperature medie e del totale delle precipitazioni
                                                    degli inverni dal 1952/53 ad oggi:


grafico
Inverno 2017/18 di quasi un grado superiore alla media 1961/2010 ma in linea se consideriamo solo le medie degli ultimi 30 inverni. Si può notare l'incredibile inverno 1962/63 il più freddo dopo quello famoso del '29. In epoca più recente l'ultimo inverno che possiamo considerare freddo è stato quello del 2005/06. Al contrario per il caldo spicca l'inverno 2013/14 seguito dal 2006/07. Evidente in questi ultimi 65 anni la tendenza ad un aumento della temperatura media invernale.





grafico
Con i suoi 419 mm di pioggia l'inverno 2017/18 è stato decisamente piovoso. Da notare che per la quinta volta negli ultimi 10 anni abbiamo superato i 400 millimetri di pioggia cosa che era accaduta solo nell'arco però ben più lungo di 56 anni dal 1953 al 2008, sintomo che l'influenza della circolazione umida e più calda atlantica negli ultimi anni ha avuto la predominanza su quella fredda e più secca orientale. 








6 marzo 2018,

Tabella riassuntiva di febbraio 2018 e confronto con la media di febbraio 2017 e 1989/2013:

E' stato un mese di febbraio che si può suddividere in 3 periodi ben distinti: una prima parte molto piovosa ma anche non fredda, infatti le temperature sono rimaste costantemente sopra le medie del periodo, le piogge del mese sono cadute in gran parte in questa prima settimana. Parte centrale del mese fino al giorno 24 con tempo variabile alternato ad alcune belle giornate ed a isolati giorni di pioggia, c'è stata anche una breve e leggera nevicata il giorno 12. Ultimi 4 giorni caratterizzati dall'arrivo del vento gelido dalla Russia che ha fatto precipitare la colonnina di mercurio su valori molto bassi. Da segnalare le 2 giornate di ghiaccio il 26 e 27, evento che non si è mai verificato negli ultimi 70 anni nell'ultima settimana di febbraio. L'ondata di gelo ha fatto si che la temperatura media del mese fosse inferiore di un grado al periodo di riferimento 1989/2013. Si nota la differenza con il febbraio dell'anno scorso già votato verso temperature più primaverili che invernali.

riepilogo febbraio 2018

L'andamento della temperatura media di febbraio 2018 (barre gialle) confronto la media dei mesi di febbraio 1989/2013 (linea rossa).
Dopo una prima decade di febbraio sopra le medie di quasi 2 gradi, è iniziato un periodo con le temperature più in linea, o leggermente più basse, della norma del periodo fino al giorno 24. Negli ultimi 4 giorni l'arrivo del vento gelido dalle steppe russe, denominato anche Burian, ha fatto crollare le temperature fino a 10 gradi sotto la media del periodo.

riepilogo temperature








1 marzo 2018,
Tra le 10:30 e le 12:30 spolverata di neve in città.   Ore 15: Incredibile formazione di stalattiti di ghiaccio in pieno giorno

foto neve  foto ghiaccioli
A sinistra uno scatto durante la leggera nevicata del mattino. A fianco ore:15 la formazione di stalattiti di ghiaccio sotto le vettura a seguito della scioglimento della neve




1 marzo 2018,

Fanno storia i 2 giorni consecutivi, 26 e 27 febbraio, sempre sotto lo zero. Per la precisione dalle ore 16h45' del 25 febbraio alle ore12h30' del 28 febbraio che fanno ben 67 ore e 45 minuti di fila sottozero.

Ci sono si state altre ondate di freddo intenso che hanno prodotto più giornate di ghiaccio, l'ultima volta nel 2012, ma che succeda alla fine di febbraio lo ritengo un fatto del tutto eccezionale. Come si può notare qui sotto a sinistra delle 9 decadi invernali la terza decade di febbraio è in assoluto la più calda, soprattutto per quanto riguarda le temperature massime che sono 3 e più gradi alte rispetto al cuore dell'inverno che va dalla seconda decade di dicembre alla prima decade di febbraio. Il sole nel mese di febbraio si eleva molto rispetto all'orizzonte; mentre a dicembre e gennaio il sole si ferma all'orizzonte al massimo a 26 gradi, a fine febbraio invece arriva a ben 35 gradi di elevazione. Ricordo che il massimo dell'elevazioni, 90 gradi, si raggiunge solo nelle zone tropicali, il 21 giugno da noi si raggiunge il massimo con 67,5 gradi  !! Ecco perchè, pur in presente di ondate di freddo molto intense, non è stato mai facile raggiungere una giornata intera sempre sotto lo zero, dal 1952 è successo per la prima volta solo in questa settimana. Si può quindi definire a tutti gli effetti questa ondata di freddo assolutamente eccezionale. A destra invece lo specchietto con l'aggiornamento al 28 febbraio delle giornate di ghiaccio e delle minime sotto i 7 gradi sotto lo zero dal 1988 ad oggi.

specchietto decadi     specchietto giornate di ghiaccio








26 febbraio 2018:
GIORNATA DI GHIACCIO: dal 1952 mai così in avanti nel corso della stagione invernale

Era nell'aria ed è arrivata  la prima giornata di ghiaccio di questo inverno, ricordo che per giornata di ghiaccio si intendo quando nel corso delle 24 ore di una giornata la temperatura non supera mai gli 0 gradi. Dal 1952 è la prima volta che succede nella terza decade di febbraio, questo fa capire l'eccezionalità dell'evento odierno.
Tra l'altro negli ultimi 30 inverni era successo solo 17 volte, principalmente in 3 ondate di freddo: 1991, 1996 e 2012. E' proprio dal 2012 che manca una giornata di ghiaccio, neanche l'anno scorso con un gennaio freddissimo siamo riusciti a raggiungerla.
Qui sotto uno specchietto con in ordine cronologico tutte le giornate di ghiaccio dal 1988 ad oggi, a fianco anche un altra tabellina con tutte le temperature minime che hanno raggiunto o superato i 7 gradi sotto lo zero sempre negli ultimi 30 anni:

specchietto giorni di ghiaccio






24 febbraio 2018,
Vediamo un pò di statistiche di quest'ultima decade di febbraio in maniera da poter valutare subito la portata dell'ondata di freddo che ci sta per interessare. 

dati










23 febbraio 2018,
Spruzzata di neve questa mattina presto appena sopra Gorizia. In realtà anche in città a tratti è nevicato seppur solo con fiocchi bagnati. In alcune zone della provincia, dove le precipitazioni sono state più intense, la nevicata è riuscita ad avere la meglio lasciando un leggero strato di neve al suolo soprattutto nella zona di Gradisca.
 Nella foto qui sotto scattata da Gorizia si vede la cava di Salcano leggermente innevata a partire dalla quota di 180/200 metri.


foto neve



12 febbraio 2018,

A sorpresa questa mattina è nevicato tra le 7:45 e le 9:00. Si è trattato solo di una spolverata che ha creato un velo di neve sui tetti e sui prati prima di cessare poco dopo le 9.

foto neve

foto neve  foto neve






7 febbraio 2018,

Tabella riassuntiva di gennaio 2018 e confronto con la media di gennaio 2017 e 1989/2013:

Gennaio quest'anno si è aperto all'insegna della pioggia. Già dal primo giorno, ma anche per quasi tutta la prima decade, il tempo si è mantenuto uggioso con frequenti piogge e anche, fuori stagione, un temporale il giorno 9. Le temperature sono aumentate molto specialmente tra il giorno 5 e il 10 con valori che hanno toccato i 6/7 gradi oltre le medie del periodo. All'inizio della seconda decade il tempo è migliorato anche se le giornate non sono mai state con cielo completamente sereno mentre le temperature hanno oscillato vicino alla norma. In terza decade c'è stato un nuovo aumento della colonnina di mercurio con alternanza di giornate serene a giornate con cielo coperto. Piogge in linea con le medie del mese di gennaio anche se concentrate prevalentemente nella prima decade. Quello che più salta all'occhio nel riepilogo qui sotto è la forte differenza con il gennaio dell'anno scorso molto più freddo, di quasi 5 gradi, rispetto a quello di quest'anno! Visto il caldo, non stupiscono le poche giornate con minime sotto lo zero, solo 6, con la temperatura minima notturna del mese di soli -1.6°.  Gli altri parametri meteorologici sono tutti vicini alla norma compreso il dato sulla neve che seppur quest'anno è a zero non è comunque lontano dalle medie di questi ultimi 30 anni !!

riepilogo



L'andamento della temperatura media di gennaio 2018 (barre gialle) confronto la media dei mesi di gennaio 1989/2013 (linea rossa).
Mese complessivamente molto caldo. La temperatura media non è mai scesa sotto la norma e solo in 4/5 casi è rimasta in linea con le medie del periodo. Prima decade con valori decisamente alti, tra il giorno 6 e il giorno 9 gennaio temperatura media superiore addirittura di 6/7 gradi ! Gennaio 2018 ha avuto complessivamente 2.7° in più della norma, ricordo che il freddissimo gennaio 2017 era rimasto 2.2° sotto la media. In pratica è risultato più caldo gennaio 2018 che freddo gennaio 2017.

andamento temperatura






8 gennaio 2018,
Alcuni grafici delle temperature e precipitazioni del 2017 confronto la media 1989/2016:

Un'occhiata a come è andato l'anno 2017 confronto la media degli ultimi 28 anni:
la temperatura media annua è in linea con i valori registrati negli ultimi 10/15 anni. Si può notare però già l'incremento che si è avuto dagli anni '90 ad oggi che si amplificherebbe ancora di più se andassimo indietro agli anni '60 e '70.
grafico




Vediamo lo scarto che ha avuto ogni singolo mese del 2017 rispetto al corrispettivo mese della media 1989/2016.
 Dopo un gennaio molto freddo con uno scarto negativo di ben 2.4 gradi, già febbraio è stato piuttosto caldo seguito poi da tanti mesi sopramedia. In pratica tutta la primavera e l'estate è vissuta con temperatura sopra la norma. Fanno spicco i mesi di marzo (il più caldo), giugno e agosto. Settembre invece è risultato piuttosto freddo mentre gli ultimi 3 mesi dell'anno sono risultati più  vicini alla media storica.
Rispetto alla media 1989/2016 il 2017 è risultato più caldo di 0.55° gradi.
grafico



Precipitazioni annuali assolutamente nella norma come successo l'anno scorso

grafico



Se le precipitazioni annuali complessivamente sono risultate nella norma molto diversa invece è stata la loro distribuzione nei vari mesi dell'anno. Come si può ben vedere qui sotto ci sono stati mesi molto piovosi come dicembre e febbraio a fronte di mesi piuttosto secchi come ottobre e luglio.
grafico






4 gennaio 2018,
Tabella riassuntiva di dicembre 2017 e confronto con la media di dicembre 2016 e 1989/2013:

Dopo gli ultimi 2 dicembri (2015 e 2016) dominati dall'alta pressione e senza piogge quest'anno le cose sono decisamente cambiate. Se la temperatura è stata perfettamente in media, un pò più freddo di notte e un pò più caldo di giorno, notevole invece la differenza dalle medie per quanto riguarda le precipitazioni che sono state decisamente abbondanti: 221.4 mm , il 70% in più della norma con 2 giornate molto piovose: l' 11 ben 84.4 mm in 24 ore e il 27 con 51.0 mm di pioggia. In linea con la media le giornate di sole e quelle con cielo nuvoloso/coperto nonchè la pressione atmosferica e la radiazione solare. Ultima annotazione la nevicata di 4 cm del 10 dicembre seguita però  immediatamente dalla pioggia.

riepilogo


L'andamento della temperatura media di dicembre 2017 (barre gialle) confronto la media dei mesi di dicembre 1989/2013 (linea rossa).
Mese complessivamente in linea con la media dove si nota però l'impennata del termometro in coincidenza delle 2 sciroccate dei giorni 11-12 e 27 dicembre. Decade più fredda e sottomedia la prima con temperature quasi sempre sotto la norma, decisamente basse il giorno 4 e 10. Nella seconda decade ha inciso la sciroccata dei giorni 11-12 a rendere leggermente sopramedia il periodo. Terza decade perfettamente in linea.

andamento temperatura




L'andamento delle precipitazioni di dicembre 2017 (barre azzurre) confronto la media dei mesi di dicembre 1989/2016 (linea rossa).

Mese decisamente piovoso, 70% in più della media 1989/2016. Dicembre è stato sempre un mese altalenante, come si vede dal grafico, ad anni con poche precpitazioni, vedi i recenti 2015/2016 si contrappongono altri molto piovosi come il trittico 2008/2009/2010 con più di 250 mm di pioggia.

riepilogo











11 dicembre 2017,
Bella nevicata ieri pomeriggio tra le 17 e le 20:30. Sono caduti 4 centimetri di neve prima della trasformazione della neve in pioggia

nevicata Gorizia






8 dicembre 2017,

Tabella riassuntiva dell' AUTUNNO  2017 confronto con la media degli autunni 2016 e media 1989/2013:

Autunno 2017 abbastanza vicino alle medie del periodo di riferimento 1989/2013. Qualche giornata in più con cielo coperto a scapito di quello con cielo sereno. Nonostante ciò le piogge sono state inferiori del 18% a causa di un ottobre piuttosto secco. In linea, anzi qualche decimo sotto, la media delle temperature sopratutto quelle notturne. In settembre non siamo saliti sopra i 30 gradi come di solito accade mentre siamo scesi 3 volte sotto lo zero in novembre. Tutto sommato un autunno nella media e senza eccessi.

riepilogo


Qui sotto un grafico che fa vedere lo scostamento dalla temperatura media di questo autunno 2017 rispetto alla media degli autunni dal 1989 al 2013. Come si può notare settembre è stato decisamente freddo con giornate che hanno superato i 6 gradi in meno rispetto alla media, in generale tutto il mese è stato comunque freddo. Dopo un inizio di ottobre sempre con temperature di poco sotto la norma nella seconda decade c'è stato un deciso aumento con valori attorno ai 3 gradi sopra la media. Novembre invece ha alternato a più riprese valori sopra e sotto media risultando alla fine in linea con i valori storici del periodo.

scarto autunnale



diamo uno sguardo a com'è andato quest'autunno rispetto alle temperature medie autunnali degli ultimi 30 anni: 2017 "fresco" se prendiamo in considerazione solo gli  anni dal 2000 in poi. Ma se andiamo indietro agli anni '90 invece già diventa un autunno da considerare più "caldino" !!

grafico autunni






Non è stato un autunno particolarmente piovoso nonostante fosse iniziato con tanta pioggia in settembre. Le precipitazioni sono mancate nel mese autunnale per eccellenza, cioè ottobre, dove c'è stato un forte defict, è caduta appena un terzo della pioggia che mediamente cade in questo mese :54,8 mm contro i 170 mm della norma. Leggero sottomedia in novembre con precipitazioni regolari nell'arco del mese.

riepilogo piogge







3 dicembre  2017,
Tabella riassuntiva di novembre 2017 confronto con la media di novembre 2016 e la media 1989/2013:
Mese sostanzialmente nella norma. Temperatura media di soli 3 decimi superiore al periodo 1989/2013. Per quanto riguarda le precipitazioni sono state di poco inferiori alla norma (- 15%), diverso invece il discorso per il resto della provincia dove le piogge sono risultate nella media del periodo. Complessivamente giornate più nuvolose del periodo 1989/2013 mentre gli altri parametri meteorologici sono in linea con la norma:

riepilogo


L'andamento della temperatura media di novembre 2017 (barre gialle) confronto la media dei mesi di novembre 1989/2013 (linea rossa).
Mese che segue a grandi linee le medie del periodo di riferimento 1989/2013. Solo all'inizio di novembre e precisamente il giorno 5 è stato decisamente caldo. Terza decade a 2 fasi: all'inizio più calda, circa 3 gradi, a seguire negli ultimi 4 giorni del mese invece più fredda.  

andamento temperature nov17